Marzo/aprile 2024 Corfù

In barca a vela lungo le coste di Corfù. Fatti conquistare dall’atmosfera vivace e colorata di Corfù, cammina lungo le sue vie piene di storia e di un glorioso passato. Ti aspettiamo ad aprile: a bordo di un Bavaria 46 Holiday, barca affidabile e comoda, insieme a due istruttori di vela e all’occorrenza ottimi cuochi. Trascorri un fine settimana in barca a vela navigando, condividendo la vita di bordo e ammirando le antiche fortezze veneziane.

Continue reading “Marzo/aprile 2024 Corfù”

Stagione 2023, potpourri

Dall’11 aprile a fine settembre, partendo da Trieste siamo arrivati nell’Egeo. In sei mesi si sono avvicendati sulle nostre barche splendidi e motivati equipaggi, abbiamo ospitato oltre agli affezionati nostri connazionali: francesi, tedeschi, spagnoli, portoricani, africani, croati, sloveni, americani, svedesi, greci. Tutto è andato “a gonfie vele”.

Potpourri 2023

Step by step vorrei raccontare con i nostri documenti video la nostra stagione….

Continue reading “Stagione 2023, potpourri”

Grecia Canarie, una piccola Odissea al tempo del Covid

Partiti dall’antico regno di Itaca il 21 novembre 2019 diretti verso le Canarie attraverso le terre Calabre e la Sicilia, ma, la Sardegna e il fato si sono posti di mezzo scompigliando ogni programma.

Continue reading “Grecia Canarie, una piccola Odissea al tempo del Covid”

Gli amanti di Spargi (Nord Sardegna)

I cinghiali di Spargi

Coincideva con il primo di febbraio, la festa della Candelora, l’Imbolc, il tempo del carnevale. Maschere e mamuthones vagano per le pendici dei paesini sardi.

Continue reading “Gli amanti di Spargi (Nord Sardegna)”

Quando le pietre cantano

A Cagliari parlano le mura. Per il visitatore straniero, sono molto più eloquenti degli stessi sardi, non molto portati alle chiacchiere fortuite. Un buona parte delle scritte con bombolette spray in città sono manifestazioni di amore, infatti si potrebbero dire di amore all’amore stesso, come una orgogliosa dichiarazione di un principio di vita. Uno cammina attraverso la città tra sguardi elusivi e improvvisamente si trova faccia a faccia con una pietra che parla a cuore aperto e ti brucia l’anima.

Continue reading “Quando le pietre cantano”

Sardegna terra della pietra.

Non appena il mare e il vento ci hanno spinto contro quest’isola, la sua solidità ha sedotto i nostri spiriti. Sarebbe stato l’inverno a richiedere terra, riparo, calore, il raccoglimento dell’abbraccio della baia offerto da Cagliari? La prima giustificazione è stato il maestrale, nel porto sono stati registrati punte di 70 nodi, in 15 anni solo tre volte. Ha colpito rigorosamente la costa naufragando un mercantile a Sant’Antioco, rendendo impossibile per i pescatori lavorare durante il periodo natalizio, aprendo anche un’anello di tenuta del nostro ormeggio di poppa.

Continue reading “Sardegna terra della pietra.”

Tra Sicilia e Baleari c'è di mezzo la Sardegna

Le previsioni ci danno una tregua di almeno due giorni, forse tre se combiniamo bene i tempi di partenza e di arrivo. Diventiamo ambiziosi: se riusciremo a raggiungere una media di almeno 6 nodi saremo in grado di arrivare direttamente alle Isole Baleari. Sì, perché no? Lasceremo San Vito, la Sicilia e l’Italia. Facciamo scorta di olio, parmigiano e un paio di altri tesori. Siamo pronti, andiamo alle Isole Baleari, sono tre giorni di attraversamento, l’ultimo probabilmente con la pioggia ma le Isole Canarie ci compenseranno con i suoi caldi giorni di eterna primavera.

Continue reading “Tra Sicilia e Baleari c'è di mezzo la Sardegna”

Sicilia orizzontale e verticale.

Milazzo si prende cura del nostro riposo. Il suo grande castello ci guarda dall’alto, solo i pescatori camminano attraverso i pontili galleggianti. Continue reading “Sicilia orizzontale e verticale.”

Lasciamo Roccella alle spalle, con una pedata

Sì, Roccella ci aveva fatto aspettare, disperare, dubitare … ma quando le cose sembrano andare a rotoli, chissà se effettivamente si stanno riposizionando? Chissà, se l’ago del giradischi non salta semplicemente per suonare la canzone giusta? Non più una canzone, ma un intero concerto è iniziato quel giovedì a mezzanotte, un recital di 16 ore, oltre 118 miglia. Continue reading “Lasciamo Roccella alle spalle, con una pedata”